Michael Joardan Docet

Una bella frase che ho trovato sul Blog di una mia amica.

Quando gioco non penso a “cosa succede se sbaglio?”, ma ad essere pronto qualunque cosa accada. Bisogna restare calmi, valutare la situazione, scegliere l’opzione giusta secondo il momento ed essere positivi. E’ una parte del mio processo mentale, così come ricordare le volte in cui ho già avuto successo. Bisogna aumentare la mente con ricordi e sensazioni positive e poi lasciare che le cose vengano da sole. Ci sono momenti, quando sei stanco o non stai bene, in cui comincia una battaglia contro te stesso. Devi solo scavare più profondamente possibile e scoprire quali motivazioni hai davvero, quali erano le tue ambizioni originali. E’ una ricerca nell’anima: è facile dire “ho dato il massimo” oppure “sono stanco o malato, ora qualcun altro deve fare anche la mia parte” e sentirsi a posto con la coscienza. Non è il mio approccio e, qualsiasi cosa accada, so di dovermi dedicare alla squadra con la più piccola goccia d’energia. Ci sono aspettative incredibili su di me, ma la grande motivazione è continuare a soddisfare quelle aspettative che io stesso mi sono creato. Quelle degli altri sono spesso esagerate. Sono una persona normale che però cerca sempre di migliorarsi.

Michael Jordan

Il giocatore ideale

Riporto di seguito uno studio che avevo trovato tempo fa. Chiaramente, solo l’inizio…

Un giorno un allenatore entrò in palestra e notò un volto nuovo. Dopo pochi allenamenti parve chiaro a tutti che non si trattava di un giocatore qualsiasi. L’allenatore fu quasi costretto a schierarlo fin da subito come giocatore titolare. Alla fine dell’anno, il giocatore avrebbe avuto tanti riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale e avrebbe condotto la sua squadra verso i migliori risultati possibili. No, non era un giocatore normale, si trattava del giocatore ideale di pallavolo.

Non abbiamo detto nulla in merito al sesso, al ruolo, alle capacità tecniche, al carattere di questa persona, abbiamo solo visto brevemente la sua storia e l’abbiamo definito giocatore ideale, ciò che chiunque sogna nella propria squadra.

Ora, la mia domanda è questa: se doveste dirmi una caratteristica qualsiasi del giocatore di pallavolo ideale, quale mi direste? Parlo di una caratteristica di qualsiasi tipo, il giocatore in questione è il giocatore che voi lo guardate dentro e fuori dall’allenamento e dite “Questo è il giocatore di pallavolo ideale”.

Blog tecnico sul mondo della pallavolo